Voliri Volari

E’ un giorno di festa che si china al mondo impaziente
Volti scolpiti di madri che guardano e tremano
Ognuno al suo posto sa che deve fare è pronto e attende lo sparo per partire

Occhi distratti e bambini impazienti attendono
Carrettieri e musicisti marinai e giornalisti aspettano
C’è già chi si è pentito e vuol mollare ma sa che il mondo è li e non può lasciare

E VAI TIRA CHIANU CHIANU CA SCASAU
CHISTA E’ LA VARIA CHI ME NONNU MI DASSAU E VAI TIRA
CHIANU CHIANU CA SCASAU NON TE PREOCCUPARI CA VOLAU
VOLIRI VOLARI A VARIA AVI E SCASARI
O SPARU DI CANNUNI…
A VARIA AVI E SCASARI

Musica è festa, spavento e felicità emergono
Ognuno al suo posto è un giorno di festa non piangere
Lo sguardo è li fermo ad aspettare il fuoco è pronto è pronto per sparere
Sona sona la campana tira tira Sarbaturi.
Ui ui ui a scasamu sulu nui.
Dolinu li mani e bruscianu li pedi,
tantu è lu suduri pe sti mbuttaturi.
Guarda u Patrieternu chi surreggi l’animeddha,
gira u suli gira a luna nc’è lu mundu chi s’adduna.
Marinari, Carretteri, Artigiani, Cuntadini e Bovari. Sta Varia av’è scasari…

Ognuno al suo posto sa che deve fare è pronto e attende lo sparo per partire
E VAI TIRA CHIANU CHIANU CA SCASAU
CHISTA E’ LA VARIA CHI ME NONNU MI DASSAU
E VAI TIRA CHIANU CHIANU CA SCASAU NON TE PREOCCUPARI CA VOLAU
E VAI TIRA CHIANU CHIANU CA SCASAU
CHISTA E’ LA VARIA CHI ME NONNU MI DASSAU
E VAI TIRA CHIANU CHIANU CA SCASAU
E’ TANTU LU SUDURI MA VOLAU
VOLIRI VOLARI A VARIA AVI E SCASARI
O SPARU DI CANNUNI…

A VARIA AVI E SCASARI